Connie Groenwegen

Conny Groenewegen è un giovane talento emergente che ha vinto nel 2011 il Dutch Fashion Awards. I suoi abiti femminili e sensuali attraversano il confine tra moda e arte e giocano con i forti contrasti.

Su di lei la tecnologia esercita un grande fascino ed è per lei strumento prezioso. Specializzata in maglieria, la stilista olandese per realizzare le sue creazioni, usa una macchina computerizzata che le permette di combinare le qualità di materiali diversi, dando vita ad un unico pezzo di tessuto. La stilista olandese decostruisce le forme, sovverte il concetto di femminilità, nelle sue sfilate il tessuto è padrone e l'innovazione si presenta nella forma e nella sostanza. La sua firma combina tecnica moderna e manifattura tradizionale, mescolando l' approccio schietto tipico della cultura olandese, con l'appeal e la mondanità di respiro internazionale. In una filosofia open source, ha reso le sue innovazioni accessibili ad altri designer.


Quando la incontriamo nel 2012 l'azienda sta crescendo nelle quote, per noi è il momento di sperimentare, di investire, è il momento di fare ricerca.


Connie si innamora del progetto e decidiamo di commissionarle in III abito. Il risultato è una rete fatta da diversi tipi di penne intrecciate con fettucce di seta colorata, chiffon e tessuto creano un sistema e celebrano la pasta come un nuovo tessuto. Un processo di design integrato in cui tessuto e design sono tutt'uno ed insieme stabiliscono le loro regole e la loro logica.

L'abito dedicato all'INNOVAZIONE, sarà protagonista della prima campagna pubblicitaria, immortalata da Dirk Vogel, fotografo di fama internazionale, che ufficializza la Sartoria della pasta, come manifesto aziendale.