Luca Giovanni Pappalardo

Luca Giovanni PappalardoQuanto è determinante la tua regione nel tuo modo di cucinare?  Sono siciliano, vivo a Bologna e lavoro a Berlino. Il mio modo di cucinare ha fortissime basi mediterranee su cui costruire una cucina di respiro mondiale.

Una ricetta dell'infanzia che proponi oggi da chef ?
La pasta alla Norma, senza dubbio.

Quale è stata l'esperienza che più ti ha formato?
Gli studi universitari nel campo dell'arte e della letteratura, la frequentazione di grandi poeti e artisti, i viaggi in Italia per scoprire le eccellenze gastronomiche bussando casa per casa.

Come definiresti oggi la tua cucina?
Un gran viaggio.

Cosa vuoi trasmettere con un tuo piatto?
Voglio che i miei piatti diventino un mezzo per avvicinarsi alla nostra cultura.

Tre aggettivi per descrivere lo chef Luca Giovanni Pappalardo
Dovresti trovarli tu.

Scrivere libri, cucinare in un ristorante, tenere corsi di cucina, quale di queste declinazioni dell'essere chef ti è più congeniale?
Ho abbandonato da tempo l'idea dello chef che produce eventi con il cibo, o che semplicemente vive nelle cucine, o si confronta con la scrittura solo per definire un ricettario. Io creo progetti culturali con il cibo, alfabetizzo attraverso la cucina.

Cosa deve avere uno chef?
Dei buoni coltelli, ottimi collaboratori, amore per la materia prima, desiderio e follia.

Il tuo amore per la Molisana?
Pacchero e spaghetto quadrato. Testure magnifiche, architettura sotto forma di pasta.

Il tuo motto? Assaggiare è conoscere

Ultime News Ultime News

“Alimentiamo il futuro”, cerimonia istituzionale alla Luiss

Si è rinnovato, come di consuetudine, l’appuntamento di accoglienza delle matricole alla Luiss di Roma . Un momento particolarmente sentito dai neostudenti universitari...

Federico Iannaccone agli US Open di New York

Il talento sportivo “adottato” da La Molisana, Federico Iannaccone , parteciperà agli US Open di New York . Dopo gli Australian Open di inizio anno, il tennista...