2017 in crescita per La Molisana. Ecco i progetti per crescere nei prossimi tre anni.

Conta di chiudere l'anno con un fatturato di quasi 140 milioni il Pastificio La Molisana di Campobasso, con un trend di crescita che in soli 6 anni dal 2011, quando l'azienda è stata acquisita dall'attuale proprietà, la famiglia Ferro, l'ha portata a moltiplicare per 6 il fatturato. "Nei prossimi tre anni – annuncia l'AD Giuseppe Ferro – puntiamo a raggiungere il traguardo dei 200 milioni di euro, dimensione che ci permetterà di diventare un operatore ancora più appetibile sui mercati internazionali".

Già, perché ad oggi il 35% del fatturato proviene dalle vendite all’estero, 80 Paesi in tutto. Anche la voce export è cresciuta a ritmi vertiginosi: dalle 4mila tonnellate di pasta esportate nel 2011 alle 34mila attuali. E proprio l’export rappresenta una chiave fondamentale per la crescita ulteriore del brand, che già oggi occupa la quinta posizione del settore nel mercato domestico. Il 2018 sarà a tutti gli effetti l’anno dell’attacco ufficiale ai mercati internazionali. La strategia di crescita continua ad essere supportata da importanti investimenti a vario livello (42 milioni dal 2011). Tra questi, negli ultimi mesi l’azienda ha inondato il mercato con una nuova ricetta e un nuovo packaging, per comunicare in modo chiaro e immediato i valori unici dei suoi prodotti: il know how e la storicità della famiglia Ferro, mugnai da quattro generazioni; la filiera integrata dal chicco di grano alla tavola; le caratteristiche straordinarie del territorio di produzione, con la sua aria pura di montagna – particolarmente importante per conservazione del grano ed essicazione della pasta – e l’acqua oligominerale dalla qualità certificata proveniente dal Parco del Matese; la lavorazione con moderne tecnologie che utilizzano metodi antichi, come la decorticazione a pietra, per un prodotto di altissima qualità, valorizzato dalla trafilatura al bronzo. L’azienda ha inoltre investito nella messa a punto di una nuova ricetta di produzione, che ha aumentato dal 14 al 14,5% il valore proteico, ovvero uno dei principali parametri di qualità della pasta (i prodotti presenti sul mercato ne contengono mediamente il 12% ca). L’operazione è fondamentale per consolidare la relazione con i consumatori già attivi e per conquistarne di nuovi in Italia e all’estero, facendo leva sulla qualità e sull’origine, due aspetti ai quali il pubblico si dimostra sempre più sensibile e attento. Per la crescita futura sarà particolarmente strategico il ruolo della pasta integrale, oggi una nicchia del mercato che sta registrando una crescita particolarmente interessante, in cui La Molisana è già leader qualitativo. “Essere mugnai e lavorare direttamente nel nostro molino le semole con cui produciamo la pasta, ci permette di raggiungere una qualità superiore anche e soprattutto per l’integrale – continua l’AD Giuseppe Ferro – Abbiamo messo a punto una ricetta che contiene ben 7,5% di fibra, per rispondere al consumatore sempre più attento a un’idea di alimentazione che soddisfa anche le esigenze di salute e benessere.” Forte di questa esperienza, l’azienda punta ad espandere anche la sua presenza nel comparto delle semole e ha creato una intera linea di semole rimacinate, ricche di nutrienti e con un alto contenuto proteico, particolarmente adatte ai prodotti da lievitazione. Tra queste, una speciale semola per la pizza, che garantisce un prodotto molto più digeribile e particolarmente fragrante, già testato con successo da alcuni tra i più grandi professionisti. L’attenzione alla qualità del prodotto finito parte dalla ricerca sul campo: dal 2016 La Molisana è impegnata in un importante progetto di filiera che coinvolge 600 produttori per arrivare a 10mila ettari di campi coltivati con due varietà eccellenti di grano molisano, Maestà e Don Matteo, che hanno un indice proteico del 15%, pari al grano Kronos dell’Arizona, attualmente ritenuto il migliore al mondo. Questo consentirà all’azienda di Campobasso di aumentare gradualmente la percentuale di grano italiano contenuto nella sua ricetta, con l’obiettivo ambizioso di arrivare a produrre entro quattro anni una pasta con grano 100% italiano.