Il grande viaggio Conad fa tappa a Campobasso

Il tema della filiera del grano duro al centro della tavola rotonda tenutasi al Teatro Savoia di Campobasso in occasione de "Il grande viaggio 2019" organizzata da Conad.

Tra i relatori oltre a Giuseppe Ferro, amministratore delegato de La Molisana, il sociologo Aldo Bonomi, direttore del Consorzio Aaster, Francesco Avanzini, direttore generale Conad, Paolo Barilla, presidente di Aidepi, Nicola De Vita, titolare dell’omonimo molino e Vincenzo Spinosi, fondatore Spinosi srl. Interessante il dibattito che ha coinvolto i relatori in due momenti distinti, l’importanza della filiera del grano duro ha tenuto alto il confronto. In Italia coinvolge circa 200mila aziende agricole per una superficie dedicata pari a 1,28 milioni di ettari. Le imprese di prima trasformazione sono 350 di cui 125 dedicate esclusivamente alla molitura del grano duro per un totale di circa 4.500 addetti. La pasta in Italia rappresenta il 3,5% del fatturato nazionale dell’industria alimentare. I produttori di grano conferiscono il prodotto all’industria molitoria in modo diretto o attraverso consorzi agrari, OP, cooperative, stoccatori. La prima trasformazione del grano in semola avviene nei mulini da dove poi esce la semola. La seconda trasformazione del prodotto avviene nell’industria pastaria che poi distribuisce il prodotto per lo più attraverso il canale della GDO sia con marchio proprio che come private label. La pasta, è stato sottolineato in più riprese, è uno degli ingredienti di base della dieta mediterranea, simbolo del made in Italy agro-alimentare ed uno dei principali riferimenti culturali attraverso cui viene identificato l’intero paese nel mondo.