Pasta integrale in gravidanza

Pasta integrale ricca di fibre in gravidanza: consigli utili

Per rimanere in forma e non prendere troppi chili nei nove mesi di gravidanza è molto importante seguire una buona alimentazione che garantisca comunque la buona salute della mamma e del nascituro.

Non occorre mangiare per due, ma l’importante è seguire una dieta che sia più sana possibile; tutti i nutrienti passano dal sangue della mamma alla placenta, attraverso il cordone ombelicale nutrendolo. La pasta integrale è uno degli alimenti consigliati in gravidanza in quanto contiene dosi elevate di carboidrati complessi che forniscono molta energia, l’energia che il corpo spende con la crescita del feto e quindi con il suo consumo se ne trae un grosso vantaggio. Un consumo abbondante di fibra alimentare è raccomandato a tutti, ma nel caso della mamma in attesa lo è ancora di più. A causa dell’influenza dei livelli ormonali nell’organismo, infatti, tutta la muscolatura si rilassa e diventa meno tonica. I problemi più comuni sono quelli legati all’intestino e in particolare alla stitichezza, un disturbo molto comune nelle future mamme, che a volte favorisce anche la comparsa di emorroidi. Inoltre le fibre svolgono un ruolo di prevenzione nel controllo dell’aumento di peso corporeo nello sviluppo del diabete gravidico, in quanto tendono ad abbassare l’indice glicemico dei cibi con i quali vengono assunte. Ebbene le fibre, contenute nella pasta integrale, nella frutta, verdure e cereali sono preziosissime per aiutare a prevenire e risolvere tutte queste condizioni. Una volta arrivate nell’intestino, le fibre solubili forniscono nutrimento ai batteri “buoni” che formano la naturale flora intestinale e ci proteggono dai germi dannosi, degradano le tossine, producono fattori vitaminici e stimolano in modo efficace il nostro sistema immunitario. Il mantenimento della flora intestinale in ordine durante la gravidanza è molto importante per il nascituro: in quanto al momento del parto questo imprinting positivo si trasmette all’intestino del piccolo, determinando la composizione della sua propria flora intestinale. Le future mamme non devono poi dimenticare che i carboidrati in generale sono essenziali nell’equilibrio alimentare e non devono essere trascurati, per questo bisognerebbe inserire nella dieta la pasta integrale, in quanto la sua assunzione rallenta l’assorbimento degli zuccheri e riduce il processo di formazione dei lipidi. Un altro fattore che rende preziosa la pasta integrale è il contenuto di vitamine del gruppo B che assicurano il corretto funzionamento di molti organi e apparati (in particolare fegato, sistema nervoso e sistema immunitario) e la vitamina E, considerata un forte antiossidante che contribuisce a bloccare ed evitare il degrado cellulare.