parola di chef > lazio > silviero piras

intervista allo chef
SILVIERO PIRAS

Come e dove inizia la tua storia professionale?

Quando ero ancora adolescente lasciai la Sardegna per lavorare a Roma presso l’Ambasciata Spagnola. Fu il mio primo lavoro e proseguii per due anni durante i quali imparai le basi della cucina classica e della pasticceria. Pian piano mi resi conto che la mia passione per questo lavoro cresceva sempre di più, quindi decisi di intraprendere dei viaggi nelle regioni italiane per imparare a cucinare i piatti tipici. L’8 Marzo 1989 aprii il Ristorante Eco Blu.

L'ingrediente immancabile nella tua dispensa?

Nella mia dispensa non devono mai mancare olio, aglio e peperoncino. È importantissimo avere sempre gamberi e calamari freschi ma, ancor di più, è fondamentale avere sempre a disposizione la Bottarga di muggine sia intera che macinata.

Qual è l'offerta distintiva del tuo ristorante?

Il pesce è l’ingrediente principale di tutti i nostri piatti e, per la buona riuscita di questi, è fondamentale per noi avere sempre materia prima freschissima.

Qual è l'atmosfera del tuo ristorante?

L’atmosfera che si respira nel mio ristorante è familiare e, allo stesso tempo, romantica. Ci piace accogliere e coccolare i nostri clienti, regalandogli un’esperienza gastronomica unica.

Apri la scheda del ristorante Eco Blu - Roma (RM)
Apri la scheda della ricetta: Sedano quadrato alla vernaccia
Chef Silviero Piras
Intervista allo chef Daniel VasapolloIntervista allo chef Matteo Freddi