Skip to content

Sei in: Home / Filiera / La filiera della nostra pasta

La filiera della nostra pasta

Contributo Agenda 2030

Cosa si intende per filiera alimentare della pasta?

Il primo anello della filiera è quello della selezione dei grani in base alle loro proprietà nutrizionali.

Per la produzione destinata al mercato domestico i grani solo esclusivamente italiani e sono coltivati nelle regioni del Centro-Sud: Molise, Marche, Puglia, Lazio e Abruzzo.

Abbiamo privilegiato alcune varietà tra cui Maestà, Don Matteo e Marco Aurelio per le caratteristiche qualitative e le abbondanti rese.

Le caratteristiche qualitative del grano si suddividono in quattro aree principali:

1. produttività (o resa)

2. contenuto proteico

3. resistenza alle malattie e agli stress ambientali (resilienza sistemi agricoli)

4. qualità tecnologica e nutrizionale della granella

Il grano è ammesso nel nostro Molino solo se rispetta severi standard ed è accompagnato dal passaporto del cereale. Dopo un lungo processo di analisi e classificazione nel laboratorio, avviene la fase di macinazione: il grano viene setacciato e separato dalle impurità e dalla crusca. Per ottenere gli sfarinati, si utilizza solitamente un cilindro che rimacinerà i chicchi fino a ottenere la semola. Questa viene successivamente miscelata con acqua pura nella fase di impasto. Nella fase di trafilatura l’impasto viene poi pressato attraverso un cilindro forato di teflon o di bronzo che darà la forma finale al prodotto. Questo verrà sottoposto al processo di essiccazione attraverso cicli di aria calda e, infine, raffreddato fino a che non sarà della temperatura ideale per il confezionamento. Una volta ultimato anche questo passaggio, la pasta sarà stoccata in silos per passare alla fase finale di confezionamento.

Cosa rende speciale la filiera integrata de La Molisana?

La Molisana è una tra le pochissime realtà del settore che può vantare una filiera integrata: questo significa controllare l’intero processo di produzione, dal chicco di grano al prodotto finito.

Questa prerogativa sarà ancora più evidente nel 2011, con l’acquisizione del pastificio da parte del Gruppo Ferro, famiglia di mugnai da oltre un secolo e proprietari di uno stabilimento molitorio (Semolerie F.lli Ferro Srl) che oggi produce circa 180.000 tonnellate di grano duro, vantando una capacità produttiva giornaliera di circa 600 tonnellate e una capacità di stoccaggio di circa 200.000 tonnellate.

*180000

tonnellate di grano duro

La filiera integrata determina importanti vantaggi competitivi. La sinergia tra mulino e pastificio assicura infatti la possibilità di differenziarsi rispetto alla maggior parte dei competitor, rappresentando per il consumatore una garanzia in termini di tracciabilità, sicurezza e qualità costante; essa consente inoltre un notevole vantaggio in termini economici, grazie alle economie di scala e alle sinergie produttive.

Campi di grano
Silos
Molino
Pastificio
Ti potrebbe interessare